Infarinature SEO 2014

Grazie al mio lavoro devo essere sempre aggiornato su qualsiasi argomenti riguardi il web (dal sem al seo, dai social alla UX).

Naturalmente non devo e non possono entrare in dettaglio su ogni argomento, finirei per passare le mie giornate ad aggiornarmi senza avere il tempo di lavorare.

Uno degli argomenti che mi ha sempre affascinato è quello del SEO, figura mistica a metà tra lo stregone e l'indovino (con qualche punta di "ninja").

Uno dei comandamenti del SEO Ninja

Uno dei comandamenti del SEO Ninja

Indovino sopratutto perché Google (principale motore di ricerca nel mondo e amico/nemico dei SEO) non anticipa quasi mai i cambiamenti fatti al proprio motore di ricerca e sicuramente non descrive in dettaglio le modifiche (anche perché sono circa 550 l'anno). Il povero SEO deve quindi adeguare velocemente il proprio lavoro ai piccoli o grandi cambiamenti attuati da Big G.

Per il 2014 i responsabili del SEO dovranno principalmente occupare di:

- Creazione di contenuti: Google indicizza i contenuti e questi naturalmente devono essere rilevanti e utili all'utente che ha effettuato la ricerca. e' quindi fondamentale porre molta attenzione ai contenuti. Dico questo perché spesso, fino ad oggi, nelle pagine dedicate al SEO, si è fatto uso di contenuti compilati in maniera "automatica" o "semi-automatica", questo tipo di contenuti andranno a morire grazie anche al raffinamento dello spider di Google. 

- Ottimizzazione delle conversioni: anche questo argomento è fondamentale perché riguarda proprio il ROI delle pagine SEO. Convertire il traffico proveniente da pagine SEO è molto più conveniente che demandare a queste il solo aumento del traffico verso il sito. Per fare questo le pagine dovranno essere chiare nell'offerta al cliente eliminando tutte le inefficienze (Call-to-action errate, navigazione non User-Friendly etc...), creare un percorso abbreviato e facilitato verso il funnel di vendita, offrire come dicevamo prima il contenuto adatto al luogo e al momento.

- Promozione dei contenuti:  il contenuto di cui sopra non può vivere solamente nella pagina SEO ma deve essere "pompato" e promosso, questo può essere fatto in diverse maniere:

  • Tramite i Social Media come Facebook, Twitter e, importantissimo, Google +. Dobbiamo incoraggiare lo sharing per amplificare ancora di più l'impatto SEO della pagina;
  • Utilizzando servizi di blog directories e link building (vedi www.teliad.it, che io utilizzo con ottimi risultati).
  • Sfruttando annunci a pagamento, promoted tweets, gli annunci di Facebook, LinkedIn etc..., questo tipo di annunci, se ben sfruttati, possono incentivare moltissimo le nostre pagine (certo, qua stiamo sconfinando nel SEM).
web-design-traffic-optimization-joey-barker-blog.jpg

Ultimo ma non ultimo...
- una UX degna di questo nome: Google usa i propri dati epr determinare come le persone interagiscono con i siti web in modo che possano farsi un'ide della qualità del sito. Per questo motivo l'usabilità e l'User eXperience del sito sono fondamentali.
Questi due aspetti hanno un influenza indiretta sul ranking perché gli utenti che hanno un'esperienza positiva saranno sicuramente più propensi alla condivisione, al bookmarking e a tornare nuovamente sul sito, tutte cose che migliorano le performance sulla SERP (Search engine Result Page).

Concludendo, non sappiamo come Google modificherà il proprio motore di ricerca, possiamo però utilizzare la nostra esperienza e il nostro buon senso per andare a lavorare su gli elementi che ho elencato nel post, elementi che sicuramente Google sta già prendendo e prenderà in considerazione per migliorare i risultati della propria ricerca agli utenti.