Una console senza videogiochi. Considerazioni a caso sugli eventi Xbox e PS4.

Avete assistito tutti all'evento Xbox del 21 Maggio vero? Bene, fino a quel giorno tutti hanno parlato di quanto fosse stato pessimo l'evento Sony, lamentandosi del fatto che Sony non abbia mostrato neanche la console vera e propria. Ho partecipato anche io alle lamentele nei confronti di Sony, meno degli altri, ma l'ho fatto. Ho però apprezzato e forse capito meglio, leggendo anche l'ottimo speciale pubblicato da Edge sul numero E253, i perché della presentazione della PS4.

Xbox Media Briefing

Una presentazione sicuramente incentrata sulla console e sulle scelte effettuate nel reboot del marchio PlayStation. L'abbandono di un sistema hardware pensato ad-hoc come era stato fatto con il Cell della PS3 andando incontro alle richieste degli sviluppatori, vero motore delle vendite di una console.

Sviluppatori che sono stati coinvolti in tutto il progetto PS4, sin dall'inizio, già dalla scelta di Mike Cerny, ex sviluppatore (Naughty Dog e Insomniac) e ora PlayStation 4 lead architect.

Non voglio descrivere quanto visto durante l'evento perché ne abbiamo già parlato approfonditamente in precedenti post, dico soltanto che Sony ha concentrato le quasi due ore di diretta sulla nascita del progetto PS4, raccontando qual è stato il percorso che ha portato a creare la nuova console e sopratutto quali saranno le novità per i videogiocatori e per gli sviluppatori (architettura PC-like, tool di sviluppo migliorati, supporto alla comunità indie).

Sopratutto verso quest'ultima Sony ha aperto le porte, portando sul palco Jonathan Blow, ideatore e sviluppatore del geniale e premiatissimo Braid.

Nonostante questo, moltissime sono state le critiche rivolte a Sony, sopratutto per non aver mostrato la console vera e propria.

I videogiocatori di tutto il mondo si sono quindi uniti nell'attesa dell'altro importantissimo evento 2013, la presentazione della nuova Xbox.

L'aspettativa, da parte mia ma non solo, era molto alta, sembrava molto facile fare meglio di Sony, eppure...

ku-xlarge

Eppure Microsoft c'è riuscita, ha presentato in una velocissima ora di diretta la sua nuovissima Xbox One, mostrandola al pubblico; già dal form factor sono iniziate le prime lamentele. "Sembra un videoregistratore anni '80" e questa sensazione è stata confermata durante l'evento. Ci hanno mostrato una console molto più vicina al decoder MySky HD che a una console fatta per videogiocare. Pochissimi giochi presentati, quelli che abbiamo visto erano solo filmati, nessuna sessione giocata live. Moltissime feature dedicate a servizi non legati al mondo dei videogiochi, produzioni TV (Spielberg), accordo con l'NFL, una piattaforma per guardare la TV e accedere ai servizi on demand, integrazione con Skype.

Don Mattrick ha però tentato di arginare le lamentele dei videogiocatori annunciando 15 esclusive per il primo anno di cui 8 completamente nuove, mostrandone una: Quantum Break dei Remedy.

http://youtu.be/b7oDRYnZ8uA

Questo non ha fermato il prolificare dei meme sull'evento.

775326254

Attendiamo naturalmente l'E3 per maggiori dettagli sulle funzionalità puramente videogiocose e sopratutto per vedere finalmente che forma avrà la prossima PlayStation.

Intanto Microsoft getta benzina sul fuoco annunciando che la console avrà il blocco regionale e sopratutto non sosterrà lo sviluppo di una comunità indie, gli sviluppatori indipendenti avranno bisogno di appoggiarsi ad un publisher e non potranno auto-prodursi I propri videogiochi. Verrà anche cancellata la categoria Indie e tutto andrà a finire nel calderone "giochi". E intanto Sony sfrutta questa debacle invitando all'E3 il Dott. Notch (Minecraft) inviandogli anche una simatica PSOne dorata e una copia originale di Dungeon Master 2.

Bella mossa, adesso vediamo che cosa verrà fuori a Los Angeles tra un paio di settimane.