Omertà: City of Gangsters (PC)

http://youtu.be/2pg7nEV_DMo Ho seguito il nuovo progetto di Kalypso dall'inzio, attirato dal promettente mix di simulazione gestionale e strategia a turni in una ambientazione a me cara: i simpatici anni 20 degli USA.

Purtroppo alcune inspiegabili scelte di design e un non impeccabile sviluppo hanno minato tutte le mie aspettative.

L'inizio è promettete, dobbiamo scegliere il nostro avatar tra tante facce poco raccomandabili e attraverso alcune scelte che riguardano il background del nostro malavitoso possiamo deciderne le statistiche. Se decidiamo di migliorare le statistiche fisiche potremmo muoverci meglio e combattere decentemente nel corpo-a-corpo. Scegliamo di essere particolarmente furbi e intelligenti? Allora il rischio che ci prenda il panico durante un'azione sarà minore. Stranamente tutte le statistiche sembrano legate all'azione vera e propria e non alla simulazione gestionale, azione che come vedremo in realtà non ci permetterà di utilizzare praticamente mai le peculiarità delle nostre statistiche.

Omertà_CityofGangsters07

Dopo aver create il nostro Corleone di fiducia inizierà il classico tutorial di spiegazione della parte gestionale che ci porterà ad Atlantic City visitando, tramite una cartina, man mano ogni quartiere della città (ogni fase del gioco sposterà l'azione su un quartiere sempre diverso).

Questa parte del gioco Omertà sembra avere possibilità interessanti: minacciare le persone per le informazioni, reclutare nuovi scagnozzi, istituire centri per generare denaro sporco e pulito, e scegliere se spedire gli imprenditori fuori città o persuaderli ad operare sotto i nostri auspici. Purtroppo, suona meglio sulla carta che in pratica. Molte delle carenze della parte manageriale del gioco sono il poco spazio a disposizione e la competizione, una serie di obiettivi fortemente limitata, e più importante, la natura "usa e getta" di ogni livello.

Omertà_CityofGangsters08

Questo è il peggiore dei difetti del gioco che danneggia la sua coerenza e ci lascia con un senso di disconnessione e insoddisfazione. In ogni area del gioco in cui verremo portati, dovremo raggiungere una serie di obiettivi tipo liberare l'area dai boss localo o mettere in piedi un racket legato al gioco d'azzardo riuscendo a pulire il denaro guadagnato. Per raggiungere questi obiettivi è spesso necessario acquistare diversi tipi di permesso, investire denaro e un sacco di tempo "morto" in attesa che le cose vadano nella giusta direzione; per non parlare del tempo speso in attesa che i nostri scagnozzi raggiungano l'obiettivo e portino a termine il compito assegnatoli (l'omino percorre fisicamente a piedi il tratto di strada che lo separa dall'obiettivo e noi non possiamo far altro che aspettare).

La disconnessione e l'insoddisfazione sono date anche dal fatto che tutto ciò per cui abbiamo atteso e lavorato viene abbandonato una volta che il gioco apre ad una nuova fase e veniamo trasportati in una nuova area della città.

Omertà_CityofGangsters01

Ogni tanto capiterà di dove incontrare i nostri simpatici rivali, siano essi felloni concorrenti o poliziotti, e lo faremo in modalità strategico a turni molto simile a XCOM. Certo di XCOM ha ben poco a cominciare dalla demenza dell'intelligenza artificiale dei nemici. Il nostro team godrà naturalmente delle specialità dei singoli (la facoltà di recuperare energia curandosi, di sparare raffiche, di sapersi nascondere etc...). Tutte specialità inutili. Innanzi tutto il sistema di cover è pessimo, un lato di una copertura modifica le statistiche di difesa mentre l'altro lato no. Una colonna offre copertura mentre un muro pieno no. E sopratutto non c'è nessun rischio reale per la squadra; mentre i nemici potranno perire durante gli scontri, i nostri sono immortali, soffrendo soltanto di qualche stato temporaneo che abbasserà, appunto temporaneamente, alcune statistiche. Altra cosa assurda è che il nostro leader e la sua banda guadagnano punti esperienza in momenti prestabiliti indipendentemente dal fatto che abbiamo ucciso o meno altri nemici o abbiano partecipato o meno all'azione. Alla fine vi troverete sempre più spesso a premere il tasto "auto-resolve" che giocherà questi eventi per noi mostrandoci velocemente il risultato.

Peccato perché l'atmosfera non è niente male e il doppiaggio italiano, cosa che capita raramente, è ottimo e sopratutto mi aspettavo sicuramente qualcosa di più dai creatori della buonissima serie Tropico.