De blogger spam e la blogosfera

Molti blogger in questi giorni lamentano un peggioramento della blogosfera, della qualità delle bloggate da parte anche di quelle persone cosiddette "influenti". Già che ci sono dico la mia.

Ho inziato il mio blog per gioco, spinto da un amico, con poca convinzione e sopratutto senza sapere cosa scrivere.

Sono entrato in punta di piedi nella blogosfera italiana (della quale fanno parte TUTTI i blogger italiani e non solo quelli 'famosi') cercando di capire il funzionamento di alcune cose come i backlinks, il pagerank, technorati, i tags (o le tags questo devo ancora capirlo :P ), i feed ecc...

Naturalmente utilizzo anche io come altri analytics per controllare gli accessi al mio blog, ho cercato di fare un po di PR (non pagerank ma Public Relations) per far conoscere il mio blog con l'intento di avere anche un po di commenti, sempre graditi.

Non ho però utilizzato tutti i mezzi messi a disposizione da internet, non mi sono fatto coinvolgere nel viral-tags, nel pubblicare 1000 link ad altri siti/blog, ho cercato di giocare 'pulito', gli utenti che leggono il mio blog voglio che lo facciano perchè i post sono interessanti, perchè trovano qualcosa che non conoscevano o qualcosa da commentare.

Non sono contro le blogstar, io non potrei mai diventarlo visto il poco tempo libero a disposizione che ho e per essere blogstar serve moltissimo tempo libero (oppure poterlo fare per lavoro).

Non mi piacciono però i discorsi da "bar" e la sensazione che a volte si prova di essere all'esterno di un club esclusivo che ti guarda di traverso.

Alla fine comunque sono d'accordo con bayle e credo che ognuno sia libero di gestire il proprio blog e la propria 'sfera' di amicizie ed influenza come meglio crede, le sue azioni avranno effetto positivo o negativo sui suoi feed e friends dei vari social-qualcosa sparsi per la rete.

Per quanto mi riguarda continuerò così, scrivendo quando ho voglia/tempo/qualcosa da scrivere. Specialmente sull'altro mio blog (e qua il link ci sta tutto :P)