Ancora Italia.it


Si è parlato e si sta parlando molto del portalone turistico italia.it. Se n'è parlato sopratutto dal punto di vista tecnico (costo del solo logo 100.000 €) ma anche i contenuti iniziano ad essere attaccati, sopratutto dalle regioni, che dovrebbero ricevere in totale 21 milioni di euro per lavorare sul portale.

Prendo spunto dall'articolo che ho letto oggi su EPolis Milano firmato Mara Mologni che parla naturalmente della Lombardia e delle gravi mancanze. Mara per esempio nota l'assenza nella sezione montagna della catena dell'Adamello o il massiccio del Bernina (oltre i 4000 metri), oppure tra le attività nella natura le sole due segnalate sono l'ippodromo di Varese e Milano. Per non parlare dell'assenza di teatri importanti come il Piccolo di Milano o il Teatro Grande di Brescia.

Spinto dalla curiosità sono andato a vedere come si presenta la Toscana, mia regione di nascita. Beh nella sezione montagna mancano completamente le Alpi Apuane e il comprensorio del Monte Cimone sull'Appennino per esempio.

Alcune regioni hanno addirittura chiesto di oscurare il portale, non credo sia la soluzione, credo piuttosto nella buona volontà di persone che hanno visto i propri soldi buttati al vento.