Party Google a Milano

Google

Segnalo questa curiosa notizia presa dal blog googlisti.com:

La presenza sul web a volte non basta per farsi pubblicità: molto più spesso grandi aziende ricorrono agli eventi, o iniziative speciali, come strumenti di marketing per catalizzare l?attenzione di partner commerciali, aziende e clienti, attraverso strategie d?intrattenimento ed interazione volte ad intensificare l?incontro (nel vero senso della parola) tra utente e brand.noblesse_oblige E proprio il party organizzato quest?anno da Google a Milano è stato fonte di non poche polemiche tra i professionisti del web: pare infatti che il colosso del search engine, volendo mantenere l?assoluta esclusività del party, abbia mandato inviti nominativi riservati ai destinatari, ignorando la comune pratica di estendere gli inviti a colleghi che, pur non esplicitamente invitati, sono comunque collaboratori dello stesso settore. Stavolta però i poverini sono stati bruscamente rimbalzati da Google con un messaggio di rifiuto alla partecipazione.Ironia della sorte, a causa di una disattenzione di qualche impiegato tra i coordinatori dell?evento (Noblesse Oblige Staff), la mail conteneva in allegato un file con l?elenco dei partecipanti o aspiranti tali con tanto di nomi, ruolo aziendale, età, email, numero di telefono e una simpatica classificazione come VIP, invitato, imbucato e IMBUCATO ma CONSIGLIATO.Posta la libertà di ciscuno (Google) di invitare chiunque volgia, qualcuno sa spiegarci come si diventa imbucati, o addirittura imbucati ma consigliati?Tra le possibili cause, qualcuno simpaticamente ipotizza l?uso di Link Popularity e page Ranking come fattori discriminanti; altri giocano con una pagina di ricerca stile Google sugli invitati alla festa: altro che Noblesse Oblige?casomai Noblesse Gooooooblige!

Googlisti.com - far sapere è più importante che far ignorare -

technorati tags:

Blogged with Flock